Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui

La Rimini Felliniana

Rimini è la città che ha dato i natali ad uno dei registi italiani più famosi del mondo. La Rimini di Fellini si ritrova, rappresentata nei posti e nei caratteri presenti nei suoi film più famosi.

Rimini per Fellini è suddivisa in due zone, delineate dalla linea ferroviaria: il centro storico e il mare.

I Vitelloni e i personaggi di Amarcord dominavano piazza Cavour: la piazza medievale della città, dove ancora oggi si può ammirare la bellissima sede dell’Arengo (il palazzo comunale) e la Fontana della pigna (simbolo tanto caro ai riminesi), che conserva ancora delle parti risalenti all’epoca romana.  Dietro piazza Cavour, c'è la Rocca Malatestiana sfondo di una scena di Amarcord.

Infine, se da Piazza Cavour si prosegue verso il porto canale, si incontra il cinema Fulgor, un luogo indubbiamente speciale nel cuore del maestro, perchè fu qui infatti che Fellini vide il suo primo film: “Maciste all’inferno”.

Continuando nella stessa direzione, si raggiunge in pochi minuti il borgo San Giuliano, con le sue case colorate nei vicoli stretti. Negli utlimi anni queste abitazioni sono state affrescate dagli abitanti del borgo, che orgogliosamente omaggiano Fellini in quello che è stato il suo luogo prediletto per passeggiare e immaginare le sue storie.

L' altro versante di Rimini, è il mare. Luogo emblematico è il suo Grand Hotel, che durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale rimase parzialmente danneggiato.

Lo stesso maestro diceva che in questo luogo erano possibili “delitti, rapimenti, notti di folle amore, ricatti, suicidi… Le sere d’estate Il Grand Hotel diventava Istanbul, Baghdad e Hollywood…”.